Stilisti: icone del mondo della moda – Coco Chanel, Christian Dior, Versace & Co.

Titolo alternativo: Chi fa la moda? Designer di moda come Chanel, Dior, Versace & Co. / Fashion revolution: Chanel, Dior, Versace & Co.

Stilisti di moda – Se sei alla settimana della moda o in un viaggio di shopping, probabilmente conosci i marchi di lusso come Chanel, Dior e Armani. Ma sapevate chi c’è dietro? Tutti i tipi di stilisti hanno lavorato per queste marche. Molti di loro hanno cambiato il mondo della moda a modo loro. Qui conoscerete Coco Chanel, Christian Dior, Yves Saint Laurent, Karl Lagerfeld, Giorgio Armani e i fratelli Gianni e Donatella Versace. Queste persone sono tra i designer di maggior successo nel mondo.

Designer di moda che devi conoscere!

La moda si incontra ovunque nella vita quotidiana. Ma chi lo fa veramente? Esatto, gli stilisti di moda. La professione di uno stilista di moda si limita inizialmente a disegnare vestiti. Ma per essere in grado di portare il proprio marchio di moda al top, è necessario soprattutto uno spirito imprenditoriale intelligente e un’idea speciale. Una volta che il pubblico è entusiasta, è importante mantenere il vostro nome nella conversazione.

Questi sette stilisti lo hanno fatto in modo molto diverso e hanno cambiato il mondo della moda.

Coco Chanel ha rivoluzionato l’abbigliamento femminile e lo ha reso più sportivo per tutti i giorni. Christian Dior, d’altra parte, ha riportato lo sfarzo e i tessuti pesanti nella haute couture.

Il successore di Dior, Yves Saint Laurent, tendeva a seguire l’approccio di Chanel, ma lasciò di nuovo la casa di moda abbastanza rapidamente. Nella sua etichetta personale, ha portato principalmente eventi quotidiani nella sua moda. Soprattutto, l’aspetto che le donne andavano a lavorare sempre di più e avevano bisogno di una moda adeguata.

Nella casa di Chanel, Karl Lagerfeld ha presto fornito nuova moda. È meglio conosciuto per le sue citazioni sprezzanti, ma ha anche portato il marchio Chanel, precedentemente un po’ polveroso, a una nuova grandezza. Due opposti della moda italiana erano Giorgio Armani, che disegnava principalmente abiti da uomo semplici, e Gianni Versace, che brillava con disegni selvaggi e colorati.

Anche qui tutto in un colpo d’occhio:

  • Gli opposti della Haute Couture – Coco Chanel & Christian Dior
  • Moda maschile per le donne? – Yves Saint Laurent
  • Figura artistica e Chanel – Karl Lagerfeld
  • Top designer italiani – Giorgio Armani e i fratelli Versace

Coco Chanel: moda confortevole per le donne

Coco Chanel, in realtà Gabrielle Chasnel, è nata nel 1883 nella città francese di Saumur. Il suo cognome “Chanel” ebbe origine da un errore di ortografia nel registro di battesimo, in cui la “S” del suo vero nome fu probabilmente dimenticata. Date le sue povere origini, nessuno avrebbe pensato che questo nome scritto male sarebbe diventato un giorno uno dei più grandi marchi di moda del mondo. Il soprannome “Coco” viene da una canzone che cantava nei bar prima della sua carriera nella moda.

La moda di Chanel: sportiva e innovativa

Nella sua casa di moda, ha creato abiti semplici in colori di base. Si è anche avventurata in nuovi tessuti come il jersey. Questo era stato precedentemente utilizzato principalmente per la biancheria intima maschile. Lo usava per creare disegni che garantissero la libertà di movimento. Questo era destinato alle donne alla moda, ma anche a quelle che lavorano lentamente. Dovrebbero essere in grado di affrontare la vita quotidiana, ma anche di apparire eleganti.

Lei stessa faceva sport e voleva essere vestita in modo appropriato. Pertanto, molti dei suoi disegni sono stati adattati a questo. Indossava pantaloni e gonne che le lasciavano libere le caviglie. Camicie da marinaio e camicie che le promettevano libertà di movimento e che prima erano riservate solo agli uomini. Anche questi sono stati trovati nelle sue collezioni. Disegnava soprattutto moda che lei stessa trovava pratica.

Questo include:

  • “Little Black”: un disegno di abito ridotto che è stato tenuto esclusivamente in nero.
  • Profumo “Chanel N0. 5”: è stato il primo profumo a contenere un ingrediente chimico che aggiungeva più del profumo di un fiore.
  • Tweet Costume: Questo ha reso possibile alle donne di andare sulla loro vita quotidiana in modo elegante e senza libertà di movimento limitata.
  • Borsa da 2,55 Lusso e funzionalità combinati in questa borsa fatta di materiale trapuntato e una tracolla fatta di una catena d’oro

Vuoi saperne di più sul marchio di moda Chanel, le collezioni e Coco Chanel? Qui troverete tutto quello che dovete sapere in dettaglio.

Yves Saint Laurent: inventore dello streetwear di lusso

Yves Saint Laurent è nato in Algeria nel 1936. Ha ottenuto il suo primo lavoro a soli 18 anni presso la casa di moda Dior, dove è stato nominato direttore artistico dopo Christian Dior. Era considerato uno dei più giovani couturier. Tuttavia, quando è stato chiamato per il servizio militare nel suo paese d’origine, ha perso il suo lavoro perché successivamente è stato dato a qualcun altro. Dopo il suo ritorno, ha aperto la casa di moda Yves Saint Laurent o YSL indipendentemente con il suo amico e socio Pierre Bergé.

Fashion by YSL: sicuro di sé e adatto all’uso quotidiano

Lo stilista ha rivoluzionato la moda femminile come nessun altro. I suoi disegni hanno usato le basi di Coco Chanel e dei contemporanei. Disegnava una moda che si adattava allo spirito dei tempi. Questo includeva la donna ora professionale e molto più indipendente. Per fare questo, ha usato tagli che prima erano riservati alla moda maschile. Un buon esempio di questo è la giacca da cena per le donne, rilasciata nel 1966. Una rivoluzione che inizialmente ha incontrato una grande incomprensione, ma che rifletteva accuratamente lo Zeitgeist che le donne potevano e dovevano essere alla pari con gli uomini.

Fu anche uno dei primi a vendere la moda prêt-à-porter come casa di alta moda. L’alta moda, come moda costosa per l’alta società, aveva perso popolarità. I giovani cominciarono a dettare le tendenze e volevano una moda accessibile e prodotta in massa. Saint Laurent ha reagito a questo e ha tirato fuori la cosiddetta moda Ready-To-Wear con esattamente questi requisiti. Questa è considerata la pietra miliare dello streetwear di lusso di oggi.

Altri pezzi noti di lui sono:

  • Profumo “Black Opium”: Una fragranza più austera in una bottiglia nera, per donne sicure di sé, meno femminile del solito all’inizio.
  • Lou Lou Bag”: una borsa con linee pulite come cuciture che può essere utilizzata per una varietà di occasioni.
  • Rossetti “Rouge Volupté Shine”: Rossetti altamente coloranti realizzati con i migliori materiali e senza test sugli animali.

Scopri di più su Ives Saint Laurent e la sua casa di moda.

Giorgio Armani: abiti per Hollywood

Lo stilista italiano è nato nel 1934. In realtà aveva voluto studiare medicina, ma poi si è visto più nel campo creativo. All’inizio ha disegnato abiti da uomo per un altro stilista, ma poi ha iniziato la sua attività in proprio insieme al suo socio Sergio Galeotti. Questo gli diede la sua propria casa di moda. Divenne famoso per aver vestito vari attori di Hollywood con i suoi abiti. Nel frattempo, è considerato uno degli imprenditori di maggior successo.

La moda di Armani: elegante e semplice

La caratteristica speciale degli abiti di Armani è la forma più morbida. Ha rinunciato agli inserti rigidi per la spalla e l’anca. Il tessuto dovrebbe giocare intorno al corpo e sembrare meno imposto. Questo ha reso i suoi blazer particolarmente famosi. Ha anche usato colori tenui come il grigio, il beige e il blu scuro. Gli abiti sono quindi piuttosto semplici e poco appariscenti, ma incredibilmente di buon gusto, in quanto fanno a meno dello sfarzo esuberante e fissano linee chiare. Adottò anche questo stile per la sua moda femminile e rese popolari i completi semplici per le donne.

L’haute couture della casa di moda si concentra su tessuti preziosi, tagli elaborati e costruzioni insolite. Qui si nota che può fare più che la semplicità. Lo stilista aggiunge l’uno o l’altro ricamo o abbellimento in modo ben dosato. Inoltre, lo stilista è convinto che un abito deve essere l’espressione di un atteggiamento. In altre parole, deve riflettere un qualche tipo di visione del mondo.

Inoltre sono noti da Armani:

  • Profumo “Aqua di Gio”: Il profumo ha una fragranza piuttosto delicata e si suppone che sia utilizzabile per ogni occasione.
  • Marchio sportivo “EA7”: una singola collezione sportiva è diventata un’intera linea con la quale anche intere squadre di competizione sono equipaggiate oggi.
  • Orologio da uomo “Emporio Armani AR2460”: un bestseller della linea di orologi in acciaio inossidabile argento con quadrante nero.

Potete vedere altri prodotti e l’intera storia dell’etichetta qui.

Karl Lagerfeld: carattere eccezionale

L’anno di nascita di Karl Lagerfeld non è del tutto chiaro; si discute sul 1933, 1935 e 1938. Secondo la sua stessa dichiarazione, è stata colpa di sua madre, ma può anche essere attribuita alla sua figura artistica. Lo stilista tedesco non ha rivelato molto della sua vita privata. Ecco perché ci sono numerose voci sulla storia della sua vita. Quello che è certo è che dal 1958 in poi ha lavorato come freelance per varie etichette di moda, tra cui Fendi, Balmain, Valentino e Chloé. Nel 1984, ha iniziato a lavorare per Chanel, che lo ha portato al successo.

La moda di Lagerfeld: chiara ed eccentrica

Nella sua moda, lo stilista ama combinare il bianco e il nero. Questi elementi si ritrovano anche nel suo noto abbigliamento. Così, lo stile di abbigliamento distintivo dello stilista è una giacca nera con un colletto bianco e occhiali da sole neri con una treccia bianca. Molti pezzi consistono in combinazioni di elementi classicamente femminili e maschili. Gli elementi più maschili includono linee pulite e quelli più femminili includono l’accentuazione della vita, per esempio.

Oltre alla sua moda, gran parte della fama di Lagerfeld è dovuta anche ai suoi modi eccentrici. Ha fatto dichiarazioni casuali nelle interviste e ha usato la sua stessa testa come logo per il suo marchio di moda “Karl Lagerfeld”. Non gli interessava il fatto che le sue affermazioni potessero contraddirsi o offendere qualcuno. Hanno portato il suo nome all’attenzione del pubblico e con esso la sua moda. Per inciso, aveva litigato con Yves Saint Laurent per un’amante comune.

Ecco alcuni pezzi noti di Lagerfeld:

  • Giacca Chanel con paillettes, pantaloncini da ciclista e tavola da surf: Per Chanel, si è servito di una classica giacca Chanel, ma l’ha combinata in un modo tale che è diventato sulla bocca di tutti.
  • Pelliccia finta: lo stilista è stato uno dei primi a portare la pelliccia finta nell’haute couture, creando pezzi di lusso con il materiale precedentemente considerato economico.
  • Logo con doppia F per Fendi: questo logo significativo ora adorna tutti i pezzi del marchio, anche se in origine era destinato solo a una collezione.

Se volete conoscere due marchi che hanno fatto grande Lagerfeld (di nuovo) e che hanno fatto grande Lagerfeld, allora date un’occhiata qui.

Christian Dior: nuovo look e salvatore della Haute Couture

Christian Dior è nato nel 1905. Inizialmente aveva un’attività artistica a Parigi, ma si affermò rapidamente come designer di moda. Dopo la seconda guerra mondiale, lui, tra gli altri, fece in modo che l’haute couture riacquistasse popolarità. E questo rum continua. Ancora oggi, la casa di moda Dior è una delle più popolari nell’alta moda. Dopo un breve periodo di dieci anni come stilista rivoluzionario, morì nel 1957 e Ives Saint Laurent fu nominato suo successore.

La moda di Christian Dior: Glamour & Splendour

La moda di Dior divenne nota come “New Look”. I suoi vestiti offrivano un glamour elegante e ricordavano la moda pomposa dei tempi passati. Dopo la guerra, la moda era diventata più funzionale. I vestiti dovevano essere pratici e adatti all’uso quotidiano. Le donne della classe media vestivano prevalentemente in modo simile a quelle della classe superiore. I più ricchi desideravano una distinzione più chiara. Tuttavia, lo spreco era disapprovato a causa della scarsità di beni e cibo durante la guerra.

Dior si oppose consapevolmente a questo zeitgeist ed ebbe successo con la popolazione ricca. Ha creato abiti ostentati da masse pesanti di tessuto. Questi avevano spesso top stretti e lunghe gonne svasate. Le sue collezioni hanno spesso enfatizzato la vita, imbottito i fianchi e arrotondato le spalle. Molti dei pezzi di haute couture avevano anche abbellimenti scintillanti di perline, pietre scintillanti e paillettes.

Particolarmente noti da Dior sono:

  • “Ligne Corolle” – linea Bellflower: consisteva in abiti e giacche e aveva i tipici elementi Dior di vita accentuata, spalle rotonde e gonna larga.
  • Profumo “Miss Dior”: una fragranza in memoria di sua sorella che fu portata via dalla Gestapo.
  • Costume da “bar”: Questo era un costume con una gonna larga per la signora moderna che esce.

Il resto della storia della casa di moda Dior e i bestseller di oggi si possono trovare qui.

Donatella e Gianni Versace: cultura pop e provocazione

Lo stilista italiano Gianni Versace è nato nel 1946. Nove anni dopo è nata sua sorella Donatella. La loro madre era una sarta, e Gianni in particolare si interessò alla moda e alla sartoria. Dopo aver lavorato per altri designer, si mise in proprio e fondò così l’azienda di famiglia, che ha successo ancora oggi. Dopo la morte di Gianni nel 1997, Donatella divenne il capo creativo di Versace.

La moda di Versace: favolosa e insolita

Lo stilista Gianni Versace è diventato noto per i suoi disegni caratterizzati da modelli insoliti e colori vivaci. Gli piaceva usare temi dell’antica mitologia greca e romana e implementarli con l’aiuto di vari dipinti sui vestiti. Per questo scopo sceglieva spesso i dipinti barocchi, che sono caratterizzati, tra l’altro, dalla loro rappresentazione drammatica e sovraccarica. Le sue creazioni erano spesso provocatorie con molta pelle visibile o materiali insoliti come il lattice aderente alla pelle.

Un’altra fonte di ispirazione è stata la cultura pop. Versace è in parte responsabile delle top model degli anni 90, perché le ha presentate insieme sulla sua passerella. Così facendo, ha ripreso la loro apparizione in un video musicale che era famoso all’epoca. Anche Donatella Versace l’ha ripreso nel 2017. Ha mandato le top model in passerella ancora una volta. Tuttavia, si è allontanata da alcuni look selvaggi degli anni 90. La sua moda è considerata più portabile ed elegante.

Questi sono i pezzi must di Versace:

  • Abito “spilla da balia”: Per una prima cinematografica, Gianni Versace disegnò un abito che era tenuto insieme ai lati da grandi spille da balia.
  • Borsa “Icon Bag”: Questa borsa in pelle ha decorazioni floreali che ricordano l’architettura barocca.
  • Jeans in passerella: Gianni Versace è stato uno dei primi a portare i jeans sulle grandi passerelle.

Poiché Versace è uno dei marchi più lussuosi in circolazione, potete scoprire di più sul marchio qui.

La moda. Riviste, top model, Haute Couture

Cosa sarebbe la moda senza le riviste di moda, le sfilate nelle settimane della moda in tutto il mondo e le top model? Leggi di più sul mondo e la storia della moda qui.

Riviste di moda:

Passerella, nuove collezioni e top designer, chi cattura tutto questo? Benvenuti nel mondo delle riviste di moda! In essi si può trovare tutto ciò che riguarda la moda e le tendenze che la accompagnano. Nel frattempo, le riviste innescano persino intere tendenze. Quindi è assolutamente importante e impossibile immaginare il mondo della moda senza di loro! Avrai sentito parlare di Vogue, Harper’s Bazaar e Elle, ma qui puoi scoprire tutto su come sono nati questi grandi nomi del mondo della moda.

  • Riviste di moda

Supermodelle

Supermodelle come Kendall Jenner, Gigi Hadid, Cara Delevingne e Naomi Campbell ti portano le tendenze delle grandi marche di moda. Sfilate, abiti inebrianti e Instagram, dominano il mondo della moda. Ma non si vedono solo in questo settore oggi. Le supermodelle sono state a lungo un punto fermo nell’industria dello spettacolo e sono vere e proprie celebrità. Scopri cosa c’è dietro alcune di queste donne impressionanti qui.

Haute Couture

Quando si pensa alla settimana della moda a Parigi, probabilmente vengono subito in mente gli eccitanti abiti dell’alta moda. Tradotto, haute couture significa “alta sartoria”. Un’associazione di diverse marche di moda decide le regole secondo le quali un marchio può chiamare la sua collezione haute couture. Puoi scoprire esattamente quali sono queste regole qui! L’alta moda è anche considerata il cuore dell’industria della moda ed è quindi uno degli argomenti più importanti tra gli amanti della moda.

  • Haute Couture